Gli agrumi e i molteplici benefici per l’uomo

Una carica di vitamine per battere i malanni di stagione, a cominciare da influenza, mal di gola e raffreddore? La si può trovare in natura in frutti che, proprio come alcune tra le malattie più fastidiose, sono tipici della stagione invernale. Naturalmente parliamo degli agrumi, appartenenti alla famiglia del “citrus”. Le loro origini sono nel territorio indiano, ma iniziarono ad arrivare in Italia al tempo degli antichi romani con il cedro, soprannominato “Pomo di Persia”.

Gli agrumi vengono coltivati nelle zone subtropicali, in quanto le piante richiedono un clima caldo con inverni miti senza ampie escursioni termiche. In Italia gli agrumeti si trovano prevalentemente nelle regioni meridionali come Puglia, Sicilia e Calabria. Queste particolari piante, infatti, non sopportano le basse temperature: la loro attività vegetativa richiede non meno di 13 gradi e vengono danneggiate quando la temperatura scende al di sotto dello zero o sale sopra i 38.

Gli agrumi sono composti circa per il 90% da acqua a cui si aggiungono acido citrico, minerali come calcio, potassio, magnesio e ferro e le vitamine, in primis la vitamina C e poi quella PP, A e B.

Diverse le varietà di agrumi, ognuna delle quali con diversi benefici per il nostro corpo; il limone è un perfetto antiossidante, astringente e disinfettante.  Il mandarino aiuta a rilassare e calmare grazie al bromo. L’arancia aiuta le vene varicose e i calcoli renali, mentre il pompelmo ha un’azione antibatterica.

I commenti sono chiusi.

Esplora